Ti regalo una festa - Festa del Paese

Vai ai contenuti

Ti regalo una Festa
Cantava Sergio Endrigo nel 1993
“Fanno festa i musulmani il venerdì , e
il sabato gli ebrei, la domenica i
cristiani e i barbieri il lunedì”. Per
molti festa è un giorno ben preciso
riservato a tale scopo.
Per altri è semplicemente uscire dalla
routine, per taluni è l'occasione di
divertirsi e stare insieme, altri ancora
la vivono come un'occasione di
riposo, ma a tutti l'idea della festa
ricorda alcuni ingredienti irrinunciabili.
Festa è anzitutto vivere momenti lieti
con le persone che ci amano senza
fare grandi cose, ma solo avendo il
tempo di stare con loro. Uno stare
insieme caratterizzato dalla gratuità,
non dalla necessità, come nei rapporti
feriali, dove cerchiamo le persone
perché ci “servono” per qualcosa.
Per festeggiare è necessario anche un
motivo, qualcosa che ci tiene insieme
e che sia condiviso.
Inoltre la festa non va da sé, bisogna
volerla; è necessario metterci del
nostro per realizzarla, ma anche per
viverla; è indispensabile esserci.
Sappiamo bene che le feste non
mancano. Di feste ce ne sono tante
anche nel nostro paese, e ciascuno si
impegna, e si ingegna, ad inventarsene
una a propria misura.
In mezzo alle tante feste che già ci
sono noi ve ne vogliamo regalare una
un poco ambiziosa.
Noi siamo orgogliosi, permettetecelo,
di quello che abbiamo realizzato;
orgogliosi di come abbiamo realizzato



questa festa e anche del motivo per
cui l'abbiamo realizzata.
Cosa vi regaliamo?
Una festa per tutti, grandi e piccoli,
con tante proposte perché tutti non
solo si sentano invitati, ma
protagonisti non spettatori. Una festa
non pensata per far cassa, così da non
mettere nessuno in difficoltà.
Come l'abbiamo realizzata?
Ritrovandoci insieme mese dopo mese
in riunioni, con la presenza delle
associazioni del nostro territorio,
perché desideriamo che questa festa
sia sentita da tutti come la propria
festa.
Ogni realtà associativa si è fatta carico
di contribuire con proposte perché
questa festa fosse ricca della creatività
e della collaborazione di tutti.
Perché l'abbiamo realizzata?
Perché ci piacerebbe che almeno una
settimana all'anno si veda il paese
vivo, unito attorno al proprio centro.
Sì, perché il paese non è solo entità
geografica, ma ricchezza e bellezza di
umanità che vive in un determinato
territorio. Non sarebbe incantevole
poter crescere, per i nostri ragazzi, in
una comunità che non sia anonima,
ma fatta di volti e nomi che si
incontrano e si conoscono.
Non sappiamo se abbiamo colto
anche un vostro desiderio, noi ce lo
auguriamo e la vostra partecipazione
ci darà la risposta, che noi speriamo positiva.

Torna ai contenuti